Creazione siti internet: crearli da zero

Quando si affronta per la prima volta la questione di creare un proprio sito internet è di fondamentale importanza avere alcuni punti ben chiari nella mente per riuscire a concretizzare il proprio progetto senza perdersi nelle mille problematiche che un neofita in questo settore potrebbe avere al riguardo. La creazione di siti internet non deve necessariamente spaventare: crearli da zero oggi è possibile anche se non si posseggono particolari conoscenze relative al linguaggio html e affini. Cerchiamo quindi di capire qui quali sono i punti base sui quali focalizzarsi per raggiungere il proprio obiettivo in maniera rapida e soprattutto efficace.

A meno che non si tratti di un progetto che inseguivate già da tempo (la realizzazione di un e-commerce piuttosto che di un sito vetrina per la propria attività locale), scegliere l’argomento di partenza è necessario per far decollare il progetto. Non conviene lanciarsi nella realizzazione di un sito Web se non si è ancora convinti del suo contenuto, di cosa tratterà nello specifico e soprattutto se si ha intenzione di crearlo ad immagine e somiglianza di altri siti di vostro gradimento già visti in giro. Per assicurarsi un sito che funzioni, la parola d’ordine è originalità. Questo può significare progettare la creazione di siti internet che accontentino una nicchia di utenti oppure affrontare un tema già molto dibattuto (come moda, salute o gossip) da un’angolazione nuova che crei traffico e potenzialmente profitti.

Per avere un’idea di ciò può essere molto utile utilizzare inizialmente Google Adwors. Per farlo basterà creare un proprio account Google e successivamente accedere alla sezione dedicata ad Adwors. Da qui, digitando una o più parole chiave di interesse, si potrà conoscere in tempo reale il gradimento che il mondo del Web ha rispetto a quel determinato argomento e quale volume massimo di traffico è possibile aspettarsi ogni mese se il sito è realizzato nel migliore dei modi.

Una volta focalizzata l’attenzione sul tema, quanto più specifico possibile, che si andrà a trattare, è necessario creare un proprio dominio. In questo senso sul Web è possibile davvero scegliere tra migliaia di soluzioni. Per ottenere una migliore indicizzazione sui motori di ricerca è però consigliabile affidarsi a siti che vendono domini di primo livello e non a pagine online precompilate con un dominio di secondo o addirittura terzo livello. Solo scegliendo un dominio affidabile e concorrenziale sarà possibile farsi notare tra le milioni di pagine che ogni giorno vengono visitate sul Web. L’URL del sito dovrebbe essere quanto più breve possibile, facile da ricordare e possibilmente con dominio .it (se il sito parla essenzialmente ad un pubblico italiano), .com oppure .net (nel caso di un sito che venga ben indicizzato anche sui motori di ricerca esteri). Tutto il resto potrebbe creare, almeno inizialmente, diversi problemi SEO e compromettere la visibilità del progetto.

Molto spesso è possibile acquistare un dominio contestualmente all’acquisto di un hosting. L’hosting non è altro che il luogo virtuale dove sarà effettivamente contenuto il proprio sito. Il piccolo costo annuale sostenuto non deve essere visto come uno spreco, bensì come un investimento. Affidarsi ad un hosting conosciuto e sicuro vi permetterà di gestire il traffico di utenti senza brutte sorprese e di adattarsi all’evoluzione che il sito internet potrebbe avere nel tempo.

Comments

comments

Lascia un commento